giovedì 6 dicembre 2007

lumachinapensiero

Forse dovrei chiamarlo Lucapensierino..
Da adesso in poi sarà difficile continurae come prima.
Forse non dispiacerà a molti.
Intanto io vado piano piano con la mia mini connessione sudata dopo ore di liti telefoniche con Maria, Claudia, Silvio, Andersson e qualche altro tizio del call-center. Meglio in bici che a piedi. Certo che per uno che è abituato a girare in ferrari.... va bè... andrò in discesa...

sabato 24 novembre 2007

BARCELLONA la classifica

Dopo questi bei giorni trascorsi con Pam nella città spagnola, è l'ora di fare alcune valutazioni...


VOTO 10: Amici
Gran bel regalo! ...un bel viaggio in una bellissima città.
"IMMENSAMENTE GRAZIE"

VOTO 9: Barcellona
Splendida città, la ricordavo così e non sbagliavo. Me la sono goduta molto più della prima volta, apprezzando diverse sfaccettature trascurate nella trasferta liceale.
"AFFASCINANTE"

VOTO 8: Metropolitana
Altro che Roma, 6-7 linee, treni nuovi, molte corse e puntualissime.
"OVUNQUE"

VOTO 7: Gaudì
Ha costruito una città intera o quasi, un misto tra genialità e follia. Si fa fatica a capire se sia stato più folle lui a concepire quelle opere o gli altri a dargli i pesos per realizzarle.
"GENIALE"

VOTO 6:aeroporto Gerona
Piccolino, hostess che trascrivono la carta di imbarco a mano, un po' distante da Barcellona, ma ha tutto quello che serve, compreso un piccolo ma fornito duty free ed un paio di bar,chi ne parla male non ha visto bene Ciampino...
"ESSENZIALE"

VOTO 5: aeroporto Ciampino
Perde il confronto col rivale spagnolo, a suo favore solo la minore distanza dalla città principale, per il resto spazi ristretti con file incomprensibili per il check in.
"SI PUO' FARE DI PIU'!"

VOTO 4: Museo d'arte di Catalunya
Sarò ignorante e di parte, ma le opere migliori sono senza dubbio di artisti non catalani...
e la veduta di Venezia del Canaletto non c'era.
"SOPRAVVALUTATI"

VOTO 3: Caffè
La prima cosa che avrei voluto fare una volta in Italia, era, sicuramente, prendermi un caffè espresso. Come fanno a non capire...
"POVERINI"

VOTO 2: Tedeschi in vacanza
Ma si può andare in spagna e ordinare gli spaghetti al sugo? E poi mangiarli tagliandoli col coltello? Mah... ho anche visto due bionde al bar mangiare un cornetto con la forchetta dopo averlo tagliato col coltello.. Boh..
Siamo noi gli anormali???
"STRALUNATI"

VOTO 1: F.C. Barcelona
Museo tour 3D e visita al campo 16 euro, foto con coppa campioni 13 euro, foto con sagome dei campioni 13 euro, nella Botiga c'è qualsiasi cosa marchiata Barca, anche pupazzetti con le sembianze di Ronaldinho. Capisco come si fanno a pagare tutti quei campioni.
"AFFARISTI!"

VOTO 0: Cibo spagnolo
Sarà pur vero che i turisti, visitando luoghi particolari, non hanno modo di valutare questo aspetto, ma escludendo la paella, i bocadillos(che restano pur sempre dei panini) e poco altro tra salumi vari e frittate di patate, resta ben poco.. mi sbaglio????
"BUONGUSTAI?"

lunedì 19 novembre 2007




Rieccomi... continuano i festeggiamenti post-laurea!!! Domani primo viaggio da disoccupato... Barcellona!

lunedì 12 novembre 2007

ma sono io???

E' fatta!!??



Dopo alcuni anni, una volta giunti al traguardo è giusto ricordare e ringraziare tutti quelli che mi hanno aiutato e accompagnato in questi anni.

Innanzitutto devo ringraziare i miei genitori per il supporto che mi hanno dato in questi anni, nel primo come nell’ultimo giorno, festeggiando per i successi, assecondandomi nei miei rituali scaramantici, ed aiutandomi a superare i momenti difficili.
Naturalmente ringrazio Pamela, compagna di vita e di studi. Insieme abbiamo affrontato buona parte del percorso, aiutandoci ed alternandoci nei ruoli di capitano e di gregario. Senza di lei sarebbe stata solamente un’interminabile reppa.
Vorrei ringraziare il professor F.M. per avermi permesso di svolgere al meglio questo lavoro, per gli insegnamenti e la disponibilità mostratami in questi ultimi due anni universitari.
Ringrazio, inoltre, doc Carola, il disperso Alessio e Cinzia che mi hanno aiutato nel lavoro, contribuendo, anche, a renderlo più divertente. Naturalmente Alessandra, Fabiana, Michela, Valentino, Catia e tutti quelli con i quali ho condiviso l’esperienza universitaria.
Vorrei ringraziare tutte le persone che ho conosciuto in questi anni, in particolare i miei compagni di casa Paolo, Mario ed Alessandro, ma anche Marta, Alessia e Michela, mie coinquiline acquisite con le quali ho trascorso sempre ottimi momenti.
Infine devo ringraziare Chuck Norris, l’ingegner Murphy ed il mitico Jim, per avermi rallegrato in questi ultimi mesi. Senza di loro tutto questo non sarebbe stato possibile.

martedì 6 novembre 2007

Farneticazioni pre-laurea

Sei novembre 2007. Sei novembre 2000. Pioveva, tanto. Assonnato come non mai. Il sabato precedente avevo trascorso una delle poche notti brave a Roma. Due ore di lezione. Via Borelli. Centinaia di ragazzi mai visti. Molti di loro a breve sarebbero diventati dei volti familiari. Quel giorno non pensavo minimamente al sei novembre del 2007. Oggi sei novembre 2007, vedo la fine e ripenso all'inizio.

lunedì 5 novembre 2007

Il futuro è qui...Sebastian!!

Qualcuno comincia a notare il grande Sebastian, io non vedevo un giocatore così da molto tempo. Spero che non cambi e che mantenga le promesse, comunque godetevelo un po' anche voi... Grande Sebastian!!


sabato 3 novembre 2007

Ci siamo quasi

Sciao belli, ci siamo quasi.
Qualcuno si chiederà a cosa mi riferisco, qualcuno penserà di conoscere la risposta, molti di voi sbaglieranno. Non mi riferisco al Giuvdì grasso atteso da anni, ma ad un evento che attendo da agosto. Già. Dall'inizio di agosto ripeto continuamente di aspettare novembre, un po' come Beckett aspettava Godot...
Beh novembre è arrivato. Spero che porti con se la sorpresa.

Se non avete capito nulla di quello che ho scritto leggete il post del primo agosto...

http://lucapensiero.blogspot.com/2007/08/rumble-in-jungle.html

lunedì 22 ottobre 2007

Sliding doors

So che non sto scoprendo l'acqua calda, però quando mi succedono alcune cose non posso far altro che pensare a come sarebbe potuta andare se...
L'altro giorno tornando a casa dopo folli acquisti per la laurea,mentre eravamo sotto casa ancora in auto, mia madre ha esclamato:<< c'è qualcuno sul terrazzo!!>> ci siamo precipitati verso il portone, lo abbiamo aperto e siamo andati in sala. Nessun. Pensavamo fosse stato un effetto ottico dovuto ai panni stesi al buio ed alla situazione psicologica dopo la rapina da zio, invece, la rete che divide il nostro terrazzo dai vicini era abbassata e sulla porta-finestra c'erano evidenti segni di forzatura. Probabilmente dopo averci sentito rientrare deve essere scappato. Ma se non avessi trovato il vestito adatto nell'ultimo negozio? se fossimo andati nell'altro? forse sarebbe entrato.. forse avrebbe messo sottosopra tutto l'appartamento, forse avrebbe trovato il mio portatile.. forse la mia tesi....

lunedì 15 ottobre 2007

Pascua Lama

Qualche giorno fa, tramite un'e-mail del prof, sono venuto a conoscenza della situazione di Pascua-Lama.
Pascua Lama è un progetto minerario di oro, argento nella Cordigliera delle Ande a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina ad un'altitudine di oltre 4.500 metri. Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro, con sede a Toronto sta sviluppando il progetto. Vista la prossimità col ghiacciaio di Pascua-Lama è sorta una controversia e varie proteste in Cile che sono sfociate in dimostrazioni e petizioni presentate al Governo cileno. Malgrado ciò i governi argentino e cileno hanno entrambi approvato il progetto.

Pascua-Lama contiene depositi di 17 millioni di once di oro e 635 milioni di once di argento, col 75 percento dei depositi in Cile ed il 25 percento in Argentina.

In internet circola un appelo:
Nella valle di San Felix, l´acqua piú pura del Cile scorre nei fiumi alimentati da due ghiacciai.

Grandissimi giacimenti d´oro, argento e altri minerali sono stati individuati sotto questi ghiacciai.

Per arrivare a questi giacimenti, sará necessario rompere e quindi distruggere questi ghiacciai, - niente di cosí folle é mai stato concepito nella storia del mondo, (forse si) - e fare due grandissimi buchi, ognuno dei quali sará grande come una montagna, una per l´estrazione e l´altro per lo scarico della miniera.

Questo progetto si chiama PASCUA LAMA.

La compagnia si chiama Barrik Gold.L´operazione é stata pianificata da una multinazionale della quale é membro George Bush padre.

www.barrick.com

Il governo cileno ha approvato il progetto che doveva cominciare giá nel 2006.

L´unico motivo per cui non é ancora cominciato é perché i contadini hanno ottenuto una sospensione dei lavori.

Se distruggono i ghiacciai,non distruggono solo questa speciale fonte d´acqua pura, ma inquineranno anche i due fiumi, cosí che non saranno piú adatti al consumo sia umano che animale dovuto al cianuro e all´acido solforico usato nel processo di estrazione.

Tra l´altro tutto l´oro che sará estratto verra inviato tutto alla multinazionale straniera e non ci sará nessun guadagno per la gente che vive in questi luoghi.

A loro resteranno l´acqua avvelenata e le conseguenti malattie.

I contadini hanno abbastanza tempo per lottare per la propria terra, peró non hanno potuto usufruire della televisione perché il ministero dell´interno lo ha proibito.

L´unica speranza per bloccare questo progetto è ottenere l´aiuto della Giustizia Internazionale.

Il mondo deve sapere quello che sta succedendo in Cile.

Il posto dove si puó cominciare a cambiare il mondo é questo.

Fai circolare questo messaggio fra i tuoi amici in questo modo:

Per favore copia questo testo e mettilo in un nuovo messaggio, aggiungendo la tua firma e inviandolo a tutte le persone che conosci... lascia anche la parte in spagnolo.

Se arrivi alla persona Nr. 200 che riceve questo messaggio mandalo a nopascualama@yahoo.com perché sia inviato al governo cileno.

No alla miniera aperta Pascua Lama nella cordigliera delle Ande sopra la frontiera tra Cile e Argentina.

Chiediamo al governo Cileno che non autorizzi il progetto per proteggere i due ghiacciai, la purezza dell´acqua delle valli di San Felix e El transito, la qualitá della terra coltivabile nella regione di Atacama e la qualitá della vita della gente che vive in queste terre.

Grazie, le firme sono alla fine del testo in spagnolo.

Sicurmente alcune affermazioni scritte sono esasperate, ma senza dubbio c'è più che un fondo di verità. Se volete saperne di più ho trovato un post ben fatto.

http://attivissimo.blogspot.com/2007/07/pascua-lama-la-multinazionale-ammazza-i.html

martedì 9 ottobre 2007

Ancora loro.. Farnetico!

Terminato il tour de force per l'esame ed in procinto di iniziarne un altro mi concedo un giretto sul mio blog. In sottofondo ci sono le note dei Nirvana che suonano "the man who sold the world" è nel profilo che ho su libero e continua all'infinito. Tempo fa in una delle mie farneticazioni ho illustratoo la mia nuova filosofia di vita. Oggi l'ho messa in pratica. Ultimo esame, possibilità di laurearmi nel caso tutto fosse andato bene, ma ero tranquillo, nessuna ansia, nessuna preoccupazione. Andrà come deve. Ripetevo. Beh è andata. Ultimo esame fatto.
Ora toccherà dare qualche scossetta...

giovedì 4 ottobre 2007

Murphy ha sempre ragione

Legge di Murphy
Se qualcosa puo' andar male, lo fara'

Corollari
1. Niente e' facile come sembra.
2. Tutto richiede piu' tempo di quanto si pensi.
3. Se c'e' una possibilita' che varie cose vadano male, quella che causa il danno maggiore sara' la prima a farlo.
4. Se si prevedono quattro possibili modi in cui qualcosa puo' andare male, e si prevengono, immediatamente se ne rivelera' un quinto.
5. Lasciate a se stesse, le cose tendono a andare di male in peggio.
6. Non ci si puo' mettere a far qualcosa senza che qualcos'altro non vada fatto prima.
7. Ogni soluzione genera nuovi problemi.
8. I cretini sono sempre piu' ingegniosi delle precauzioni che si prendono per impedirgli di nuocere.
9. Per quanto nascosta sia una pecca, la natura riuscira' sempre a scovarla
10. Madre Natura e' una puttana.



La filosofia di Murphy
Sorridi... Domani sara' peggio.


Costante di Murphy
Le cose vengono danneggiate in proporzione al loro valore.


Versione relativistica della legge di MurphyTutto va male nello stesso tempo.


Chiosa di O'Toole alla legge di Murphy
Murphy era un ottimista.


Settima variante di Zymurgy alla legge di Murphy
Quando piove, diluvia.


Postulato di Boling
Se sei di buon umore, non ti preoccupare. Ti passera'.


Legge di Iles
C'e' sempre un modo migliore.

Corollari:
1. Quando il modo migliore ci sta davanti agli occhi, specialmente per lunghi periodi, non lo vediamo.
2. Neanche Iles lo vede.



Seconda legge di Chisholm
Quando tutto va bene, qualcosa andra' male.

Corollari:
1. Quando non puo' andar peggio di cosi', lo fara'.
2. Se le cose sembrano andar meglio, c'e' qualcosa di cui non stiamo tenendo conto.



Terza legge di Chisholm
Le proposte sono sempre capite dagli altri in maniera diversa da come le concepisce chi le fa.

Corollari:
1. Se si spiegano le cose in maniera tale che nessuno possa non capire, qualcuno non capira'.
2. Se si fa qualcosa con l'assoluta certezza dell'approvazione di tutti, a qualcuno non piacera'.
3. Se si vuol mettere qualcuno di fronte al fatto compiuto, il fatto non si verifichera'.



Prima legge di Scott
Qualsiasi cosa vada male, avra' probabilmente l'aria di andare benissimo.


Seconda legge di Scott
Quando si trova e si corregge un errore, si vedra' che andava meglio prima.

Corollario:
Quando si capisce che la correzione era sbagliata, sara' troppo tardi per tornare indietro.



Prima legge di Finagle
Se un esperimento funziona, qualcosa e' andato male.


Seconda legge di Finagle
Qualunque sia il risultato di un esperimento, ci sara' sempre qualcuno pronto a:
a) fraintenderlo
b) falsificarlo
c) credere che si sia prodotto in virtu' della sua teoria preferita.



Terza legge di Finagle
In un qualsiasi insieme di dati, la cifra cosi' evidentemente corretta da non richiedere un controllo e' l'errore.

Corollari:
1. Nessuno a cui chiedete aiuto la vedra'.
2. Chiunque passi di li' per darvi un consiglio gratuito la vedra' immediatamente.



Quarta legge di Finagle
Una volta che si e' pasticciato qualcosa, qualsiasi intervento teso a migliorare la situazione non fara' altro che peggiorarla.


Norme di Finagle
1. Prima tracciate le curve che vi servono, poi trovate i punti che corrispondono.
2. Ogni esperimento deve essere riproducibile, e fallire sempre allo stesso modo.
3. Non credete ai miracoli: contateci ciecamente.



Assioma di Wingo
Tutte le leggi di Finagle possono essere trascurate da chi ha imparato la semplice arte di fare senza pensare.


Legge di Gumperson
La probabilita' che qualcosa accada e' inversamente proporzionale alla sua desiderabilita'.


Leggi di Issawi sul progresso
Il corso del progresso:
La maggior parte delle cose va costantemente peggio.
Il sentiero del progresso:
Una scorciatoia e' la via piu' lunga tra due punti.
Il passo del progresso:
La societa' e' un mulo, non un'automobile... Se la si spinge troppo, scalcia e disarciona chi la cavalca.



Prima legge di Sodd
Quando qualcuno cerca di raggiungere un obiettivo, sara' sempre ostacolato dall' involontario intervento di qualche altra presenza (animata o inanimata). Tuttavia, ci sono obiettivi che vengono raggiunti, in quanto la presenza che interviene cerca a sua volta di raggiungere un obiettivo ed e' naturalmente, soggetta a interferenze.


Seconda legge di Sodd
Prima o poi, la peggiore combinazione possibile di circostanze e' destinata a prodursi.

Corollario:
Un sistema deve essere sempre concepito in modo da resistere alla peggiore combinazione possibile di circostanze.



Legge di Simon
Qualsiasi aggregato prima o poi cade a pezzi.


Legge di Rudin
In casi di crisi che obbligano la gente a scegliere tra varie linee di condotta, la maggioranza scegliera' la peggiore possibile.


Teorema di Ginsberg
1. Non puoi vincere.
2. Non puoi pareggiare.
3. Non puoi nemmeno abbandonare.



Chiosa di Freeman al teorema di Ginsberg
Tutte le piu' importanti filosofie che cercano di dare un significato alla vita sono basate sulla negazione di una parte del teorema di Ginsberg. Per esempio:
1. Il capitalismo e' basato sul presupposto che si possa vincere.
2. Il socialismo e' basato sul presupposto che si possa pareggiare.
3. Il misticismo e' basato sul presupposto che si possa abbandonare.



Osservazione di Ehrman
1. Le cose andranno peggio prima di andar meglio.
2. Chi ha detto che le cose andranno meglio ?



Seconda legge di Everitt sulla termodinamica
La confusione nella societa' e' sempre in aumento. Solo l'enorme sforzo di qualcuno o di qualcosa puo' limitare tale confusione in un'area circoscritta. Tuttavia, questo sforzo portera' a un aumento della confusione totale della societa'.


Legge di Murphy sulla termodinamica
Sotto pressione, le cose peggiorano.


Legge di Pudder
Chi ben comincia, finisce male. Chi comincia male, finisce peggio.


Teorema di Stockmayer
Se sembra facile, e' dura. Se sembra difficile, e' fottutamente impossibile.


Prima legge di Zymurgy sulla dinamica dei sistemi in evoluzione
Una volta aperta una scatola di vermi, l'unico modo di rimetterli in scatola e' usarne una piu' grande.


Seconda legge di Commoner sull'ecologia
Niente va mai via.


Legge di Howe
Ognuno di noi ha un piano che non funzionera'.


Legge di Guizot
Si cade sempre dalla parte da cui si pende.


Legge di Sturgeon
Lo sporco costituisce il 90 per cento di tutto.


Assioma di Bramati
Tutto suda.


Legge dell'ineffabile
Non appena si nomina qualcosa...
...se e' buono, sparisce.
...se e' cattivo, succede.


Legge univoca delle premesse
Premesse negative portano a risultati negativi.
Premesse positive portano a risultati negativi.

mercoledì 26 settembre 2007

Farneticazioni Notturne #3

Notte, solita notte. Ormai gli aggiornamenti del mio blog si limitano alle farneticazioni notturne, sarà perché sto perdendo quella voglia e quell'attenzione con le quali avevo iniziato questa esperienza o perché l'ispirazione giusta viene solo dopo una giornata stancante. Oggi tra le polverose pianure viterbesi ho avuto modo di pensare a come da qualche mese è cambiata la mia concezione della vita. Non parlo di scelte drastiche sia ben chiaro, solo di come viverla e dello spirito con il quale affrontarla. "Panta rei" diceva Eraclito, tutto scorre. E' questo il motto che meglio identifica ciò che penso. Si devono solo dare piccole impercettibili ma fondamentali "scossette" per mantenerla in carreggiata. Naturalmente è fondamentale saper attribuire la giusta importanza alle cose, per dare le "scossete" al momento giusto, per evitare delusioni o farsi sopraffare da inutili preoccupazioni. Non penso di aver espresso bene il concetto anche perché è molto generale e non sono sceso nel particolare, però ognuno ha le "priorità" che merita. Priorità che derivano dall'esperienza e che non sono universali.

venerdì 21 settembre 2007

Farneticazioni notturne #2

E anche questa è andata. La mezzanotte è passata da qualche minuto, ho appena finito di lavare i piatti che avevo lasciato nel lavello dopo aver mangiato le pennette alle "cime di rapa".
Sono stanco.
Guardo quel letto come un maratoneta in crisi osserva la linea del traguardo. Tra un po' spegnerò il computer, mi toglierò i vestiti, sposterò tutte quelle cianfrusaglie dal letto, lo sistemerò un po' e mi ci distenderò, finalmente, sopra.
Domani sarà un'altra giornata da bollino rosso, ormai la terza consecutiva, ma forte dello slancio preso dopo la netta vittoria sull'"omino bianco" (bianco come sempre, ma meno bastardo di un tempo)spero di poter superare indenne anche questa.
L'ultimo pensiero, come spesso mi capita, lo rivolgo al passato, allo spensierato e "capellutissimo" passato. Alle scuole medie, quando con Gian Piero, Marco e Alessandro mi avvicinavo alla musica, quando sui banchi di scuola incidevamo i nostri nomi tra le frasi di jim morrison e di kurt cobain.

venerdì 14 settembre 2007

The Simpson



Finalmente arriva anche in Italia il film dei mitici Simpson. Probabilmente questo week-end non riuscirò a vederlo, ma in questi altri giorni di attesa continuerò a godermi i vari assaggini che circolano in rete. Questo è uno di quelli.
Occhio al Porceddu... Grande Homer!!

mercoledì 12 settembre 2007

Farneticazioni notturne

Ultimamente sto un po' trascurando la mia creatura virtuale, ho diversi pensieri che circolano nella mia testa, ma forse sono troppo veloci per la mia stanca, svogliata e contorta mente che pur avendoli partoriti, poco dopo non li riconosce più.
Non fate caso alle frasi sconnesse o prive di senso, non sono molto concentrato, ho gli occhi praticamente chiusi. La scorsa notte ho dormito poco, la giornata è stata faticosa (tra le tante cose ho rischiato di essere sodomizzato sul 163 stracolmo per lo sciopero) e l'Italietta di Donadoni mi ha dato il colpo di grazia. Ho anche perso su yahoo giocando con una "bimba". Forse è il caso di togliere quei panni dal letto, dare una sistematina alle lenzuola ed infilarmici sotto. Notte.

giovedì 6 settembre 2007

Chuck Norris facts

Il mitico Chuck è stato coinvolto negli ultimi anni da un fenomeno di Internet noto come Chuck Norris Facts ("fatti su Chuck Norris"). Attraverso numerosi media legati a Internet (e-mail, newsgroup, siti Web) vengono continuamente diffuse, a scopo goliardico, notizie inventate e inverosimili su di lui.

La cosa è davvero spassosa ed è nata nel 2005 per merito di Conan O'Brien (conduttore del programma Late Night with Conan O'Brien), che prendevano di mira spesso Norris o il suo personaggio in Walker Texas Ranger, per poi proliferare in modo indipendente. I Facts circolano in molte lingue; si tratta sia di traduzioni di facts, sia di invenzioni evidentemente originali (per esempio con riferimenti a episodi di cronaca o di politica locali).
Il mitico Chuck ha dovuto prendere con ironia il continuo proliferare di queste simpatiche storielle ed è intervenuto in numerose trasmissioni televisive anche per stilare una sua personalissima classifica.

> Chuck Norris può tagliare un grissino con il tonno

> Sul retro della Cina c'è scritto Made in Chuck Norris.

> Chuck Norris non guarda l'orologio, decide lui che ora è.

> Chuck Norris ha ucciso la notte con un calcio rotante perché gli ha portato consiglio. Nessuno può permettersi di consigliare niente a Chuck Norris. Nessuno.

> Chuck Norris si è suicidato con un calcio rotante per aver detto: "Io sono Chuck Norris!". Nessuno può essere Chuck Norris. Nessuno.

> Fra il dire e il fare c'è di mezzo Chuck Norris.

> Chuck Norris ha abbattuto un aereo tedesco puntandolo con il dito e dicendo: "BANG!".

> Quando Chuck Norris fa il girotondo il Mondo casca per davvero.

> Si narra che il cavallo di Troia fosse in realtà il pony di Chuck Norris.

> Chuck Norris ha contato fino a infinito. Due volte.

> Dio è morto(F.Nietzsche); Nietzsche è morto(Dio); Nietzsche e Dio sono morti(Chuck Norris).

> Chuck Norris ha percorso tutto il campo di Holly&Benjy in una puntata.

> Solo Bruce Lee è riuscito a schivare un calcio rotante di Chuck Norris. Morì poco tempo dopo in circostanze poco chiare.

> Una notte, Chuck Norris ha rapito gli alieni.

> Quando l'uomo nero va a dormire,ogni notte controlla il suo armadio per vedere se c'è Chuck Norris

> Piuttosto che venire al mondo come un bambino normale, Chuck Norris si è guadagnato l'uscita dalla placenta a forza di pugni e calci volanti a girare. Poco dopo, gli spuntò la barba.

> Chuck Norris riesce a fare tunnel agli omini del calcio balilla.

> Quando fa le flessioni, Chuck Norris non sta spostando il suo corpo, sta spingendo la Terra verso il basso.

> Chuck Norris è il nuovo progetto della Cina per il controllo delle nascite.

> Non è vero che nessuno sopravvive ad un calcio rotante di Chuck Norris. Tutti muoiono ad un calcio rotante di Chuck Norris. Tutti. Anche Nessuno.

> Quando Chuck Norris bestemmia, dio cambia forma per non contraddirlo.

> Il presente spera nel futuro, il futuro spera nell'impossibile, l'impossibile spera nei miracoli, i miracoli sperano in Chuck Norris

> È vero che gli alieni esistono e che vogliono invadere la Terra... ma stanno aspettando che muoia Chuck Norris. Invano

> A volte il panico ha attacchi di Chuck Norris

> Chuck Norris da ragazzino andava a suonare per scherzo i campanelli delle case.Gli abitanti se la davano a gambe di nascosto.

> Chuck Norris ha la botte piena e la moglie ubriaca.

> Prima di pensare dio chiede a Chuck Norris se può farlo

> Gesù sa chi è il suo vero padre...e non è dio

> Cristoforo Colombo ha scoperto l'America, Chuck Norris l'ha inventata.

> Chuck Norris riesce ad aprire le porte del Generale Lee.

> Ogni mattina in Africa quando sorge il sole un gazzella si sveglia ed inizia a correre per non essere mangiata da un leone. La stessa mattina in Africa quando sorge il sole un leone si sveglia ed inizia a correre per non essere mangiato da Chuck Norris

> Ne "I promessi sposi", l'Innominato è ovviamente Chuck Norris.

> Le lacrime di Chuck Norris possono curare il cancro. Peccato che Chuck Norris non pianga mai.

mercoledì 5 settembre 2007

Odio le pale!!



Non è lo sfogo di una sgrammaticata ragazza che ha appena avuto una delusione amorosa, è solo il mio grido di disappunto nei confronti di quell'energia spacciata per salva-ambiente, ma che in realtà non lo è. Dietro la facciata pulita dell'eolico ci sono numerosi aspetti sconosciuti ai più per una disinformazione generale.
Queste pale sono delle moderne torri gigantesche in cemento e acciaio, veri e propri mostri con un'altezza di oltre 100 metri, pari a un edificio di 25-30 piani,ed un peso complessivo di oltre 200 tonnellate. La loro installazione richiede la realizzazione di grosse piattaforme di cemento e palificazioni sottostanti che possono arrivare ai venti metri di profondità. E gli effetti sul territorio che ne derivano? Gravissimi. Pensate agli scavi, agli scassi, ai chilometri e chilometri della rete stradale di collegamento (questi bestioni richiedono trasporti eccezionali su stradine di montagna), ai chilometri di cavi elettrici interrati, ai nuovi elettrodotti, alle sottostazioni elettriche di trasformazione, ai terreni agricoli e di pascolo frazionati, al deprezzamento che subiscono gli stessi terreni che ospitano le pale e quelli limitrofi. Non ho neanche affrontato il problema del rumore che sembrano produrre. Negli ultimi cinque anni sono state installate sui pendii dell'Appennino meridionale poco più di mille pale eoliche che sviluppano una potenza di 670 MW, appena lo 0,4 per cento del fabbisogno nazionale di energia elettrica. Pare che si debbano raggiungere i 5000 MW, facendo due conti si parla di 7-8000 pale per arrivare al 3-3,5 per cento del fabbisogno nazionale. Il guadagno delle amministrazioni comunali? Da quello che ho sentito qualche migliaio di euro a pala. Il risparmio? 1% del consumo petrolio. Ne vale la pena? Perché regioni come le Marche, l'Umbria e la Val d'Aosta hanno opposto un secco rifiuto all'installazione di questi moderni mulini? Perché non c'è vento? Perché sono le regioni meridionali ad autorizzare quello che sembra sempre più uno scempio epocale? Io una mia idea ce l'ho. Voi?


lunedì 3 settembre 2007

Maracaibo




Maracaibo
balla al barracuda
si' ma balla nuda
za' za'
si' ma le machine pistol
si' ma le mitragliere
era una copertura
faceva traffico d'armi con Cuba
innamorata
si' ma di Miguel
ma Miguel non c'era
era in cordigliera
da mattina a sera
si' ma c'era Pedro
con la verde luna
l'abbracciava sulle casse
sulle casse di nitroglicerina
torno' Miguel torno'
la vide e impallidi'
il cuore suo tremo'
quattro colpi di pistola le sparo'
Maracaibo
mare forza nove
fuggire si' ma dove
za' za'
l'albero spezzato
una pinna nera
nella notte scura
come una bandiera...
morde il pescecane
nella pelle bruna
una zanna bianca
come la luna
ah... ah... ah...
Maracaibo
finito il barracuda
fini' col ballar nuda
za' za'
un gran salotto
ventitre mulatte
danzan come matte
casa di piaceri per stranieri
centotrenta chili
splendida regina
rhum e cocaina
za' za'
se sarai cortese
ti fara' vedere
nella pelle bruna
una zanna bianca
come la luna
Maracaibo...

“"Maracaibo" l'abbiamo scritta io e il mio amico David Riondino. La storia era già stata concepita nel lontano 1975 e rimase nel mio cassetto per più di cinque anni durante i quali ho sempre cercato un'atmosfera musicale che potesse andare bene. Sono andata persino a Parigi per ascoltare qualcosa di salsa, visto che da noi era merce rarissima. La canzone parla di una storia vera o almeno di una storia che all'epoca si raccontava. La Zazà della canzone è una ragazza cubana, che avrebbe avuto una tresca sentimentale con Fidel Castro. Ma visto che lui era impegnato da mattina a sera "in cordigliera", lei si lasciava consolare da altri ragazzi. Quando Fidel venne a sapere del tradimento le sparò ma la bella trafficante d'armi fuggì per mare e fu azzannata da un "pescecane". Scampata anche a questa avventura, si costruì una seconda vita aprendo un bordello. Non ti dico per pubblicare questa canzone quanti problemi abbiamo avuto. I discografici ogni volta facevano pollice verso e siamo stati persino costretti a cambiare persino il nome Fidel in Miguel...”

Queste parole le ho trovate sul web, il sito che le riporta dice che sono estrapolate da un'intervista di Lu Colombo. Non ho motivo di dubitarne... però mi ero fatto un'altra idea della canzone regina del piano bar, un'idea che vedeva l'autrice del pezzo fare salti mortali per evitare censure di altro tipo. Probabilmente sarà solo la mia mente contorta ad averla "letta" sotto quell'aspetto, ma non importa.
A me piace più nell'interpretazione che le ho dato io...
Se siete curiosi la mia personale lettura è nei commenti al video su youtube.

martedì 21 agosto 2007

Le estati che furono




Sto sempre tra le colline molisane e trascorro le mie giornate abbuffandomi coi parenti, tentando di studiare e lottando costantemente contro il desiderio di fare un pisolino.
Le vacanze stanno per terminare anche se forse, è un po’ troppo chiamarle vacanze, infatti escludendo la piacevolissima giornata trascorsa in compagnia della Sorella col cisternino ed il DV giunti da lontano, non ho avuto altri momenti di vero svago.
Sarà per il mio umore non altissimo, ma queste giornate al ‘paese’ le ho trascorse con una sensazione di malinconia. i miei pensieri, spesso, si spostavano indietro nel tempo, verso quelle estati di qualche anno fa quando mi divertivo, e molto, insieme ad i miei amici coi quali condividevo tutto ed era bello crescere insieme. Però il tempo passa e con il suo scorrere cambiano anche altre cose.
Il bel gruppo che eravamo in passato è tra queste.
Ora, per lavoro, per amore o per motivi di studio, abbiamo preso strade diverse che si incontrano raramente.
Quelle estati trascorse tutti insieme,
coi primi amori,
le giornate al bar da “Rita”,
le partite alla stazione,
il ping pong di Morena,
i giri in motorino,
le serate alla “chiesetta”
e le scampagnate tra le querce
sono storia,
probabilmente irripetibili, ma sicuramente indimenticabili.
Ci sono luoghi, canzoni, foto e persone che spesso ce le ricordano, le fanno rivivere nella nostra mente e come le madelaine di Proust evocavano in lui il ricordo del te dalla zia, così io, ho inserito in questo post il video di una canzone che mi fa tornare indietro nel tempo, a quando si era troppo piccoli per incamminarsi da soli e troppo ingenui per cambiare strada.


mercoledì 8 agosto 2007

compagni di scuola



L’altra sera ho preso il dvd del film cult di Carlo Verdone “compagni di scuola”, ogni volta che lo rivedo, immancabilmente, mi viene da pensare agli anni del liceo ed ai miei compagni di classe.
Complice il trasferimento a Roma e la scarsa propensione al ritorno a Priverno, ho perso di vista quelli che per cinque anni hanno condiviso con me uno dei periodi più belli della mia vita. Saponara, i Valle, Enzo, Mazza, “Luri” , Putzu, le maenzane, Ale, Giulia, Pucci&Pelagalli chissà che fine avranno fatto. Sono passati sette anni dal 10 luglio del 2000, in altre parole dall’orale dell’esame di stato, ma alcuni di loro non li vedo da quel giorno. A Roma ho incrociato un paio di volte i gemelli e Giulia, sul treno Putzu, alla stazione una delle maenzane in partenza per Napoli, di Enzo ho perso le tracce dopo una bella serata di qualche anno fa, Saponara probabilmente anche se mi incontrasse in strada non si fermerebbe a salutarmi per un disguido accaduto in quell’esame. Rivedendo il film è cresciuta in me la curiosità di sapere cosa combinano e che strade hanno preso. Il secondo anno di liceo una professoressa di italiano ci diede da svolgere un tema con questa traccia: “Come immagini i tuoi compagni di classe tra 10 anni”.Chissà se qualcuno di noi indovinò qualcosa. Immaginai Saponara serial killer, “Luri” coi village people e Pucci&Pelagalli coppia scandalo. Io no.

mercoledì 1 agosto 2007

Rumble in the Jungle



«Mohammed Alì, quando tornò sul ring nel 1974 contro George Foreman, a Kinshasa, per riprendersi la corona di campione del mondo non era certo il favorito: ma dentro l’amore della gente trovò la forza di spirito che fece la differenza. E noi vogliamo trovare queste cose che possono darci qualcosa in più». Queste parole sono di Janc Claude Blanc ad della nuova Juventus tornata a "casa" dopo un anno di esilio forzato. Le ha pronunciate qualche giorno fa, ma oggi, dopo la presentazione del calendario del prossimo campionato, acquistano un significato maggiore.
Ha ragione, non siamo i favoriti, non saranno in molti a scommettere sul pronto riscatto, ma tutti noi lo speriamo.
Non vogliamo neanche parlarne, scaramanticamente, per non compromettere ciò che tanto vorremmo accadesse.
Sarebbe bellissimo.
L'amore dei veri tifosi c'è, la voglia della dirigenza anche, la grinta ed il sudore dei giocatori ci saranno, ma soprattutto c'è la "fame" quella che può cambiare le sorti di ogni incontro, figuratevi se ad averla sono campioni come Del Piero, Buffon, Nedved, Trezeguet, Camoranesi.
Se ci fosse anche un pizzico di buona sorte...
Intanto aspetto novembre e sogno, è per questo che amo lo sport.

giovedì 26 luglio 2007

Buone vacanze

Domani parto per trascorrere ciò che resta dell'estate con i miei genitori nel paese dei miei nonni. Starò lì tutto il mese di agosto. In questo periodo sarà difficile poter aggiornare il blog, ma cercherò di farlo... il web non può resistere a lungo senza il Lucapensiero, lo so, la mia è una missione.
So che è una cazzata, non preoccupatevi non sono impazzito.
Comunque auguro a tutti di trascorrere buone vacanze, sperando che siano più entusiasmanti e divertenti di quelle che, viste le premesse, mi accingo a passare io, tra i mille pranzi coi parenti e lo studio per riuscire ad esorcizzare l'omino bianco. Dimenticavo una cosa, se leggete questo post e non avete un cazzo da fare, pensate ad un tema per il sondaggio che voglio lanciare a settembre(i potenti mezzi di blogger lo permettono) e scrivetelo in un commento. Le idee partorite dalle vostre menti riposate e sgombre da pensieri cupi saranno ben accette, altrimenti mi toccherà dar retta al Lucapensiero che, come sapete, proporrà i soliti quesiti su calcio o tette.
Fate voi...

martedì 24 luglio 2007

La cucina commestibile

Questa volta il lucapensiero esce dai canoni consueti e si trasferisce in cucina.
Avevo in mente da un po' una rubrica sull'arte culinaria, stile "Gusto" del Tg5, mi balenavano in mente un paio di idee finché non mi è venuta l'ispirazione. Molto del merito va attribuito a "Suor Clorinna" e alla sua passione per il radicchio.
La prima ricetta di questa nuova rubrica sarà, infatti,
farfalle al radicchio e gorgonzola.
Innanzitutto bisogna lavare il radicchio, privarlo della parte bianca più dura e amara, tagliarlo a listarelle sottili e cuocerlo in padella con olio e aglio per qualche minuto(finché non scurisce). In un altro pentolino far sciogliere il gorgonzola con un po' di latte a fuoco lento, una volta sciolto unirlo al radicchio quando pronto. Dopo aver cotto la le farfalle in abbondante acqua salata, scolarle ed unirvi il composto. Mantecare bene il tutto e servire caldo.

martedì 17 luglio 2007

Ciao Olindo...



A volte succedono cose che non pensavi possibili
e capisci ciò che è veramente importante nella vita...
La vita stessa.

martedì 10 luglio 2007

Relax... take it easy

Riuscite a non fischiettare il ritornello??




E' quasi impossibile, ne ho avuto la prova andando in un paio di negozi per fare spesa. Prima il commesso di "Acqua e sapone" mentre stava sistemando gli scaffali, poi è successo anche a me e dopo pochi minuti, in un altro negozio, di nuovo.
Questa volta il proprietario. Canticchiava.

-Relax... take it eaaaaasy...-

lunedì 9 luglio 2007

Io c'ero!!!



Basta leggere i vecchi post per capire che molti dei miei ricordi sono legati ad eventi sportivi. Sono nato nell'agosto dell'81 e quando Pablito segnava carrettate di gol, Tardelli urlava tutta la sua gioia e Pertini esultava dicendo "non ci riprendono più", avevo solo pochi mesi.
Sono cresciuto rivedendo quelle immagini alla tv, ascoltando le interviste dei campioni del mondo dell'82 e ascoltando ripetutamente i racconti di mio padre, dei miei zii e perfino di mia madre di quei giorni e di quella finale. Mi sono sempre commosso al gol di Tardelli e divertito alla vista della scopetta in aereo di Pertini con Zoff. Ho sempre invidiato, profondamente, chi c'era.
Ho sperato per anni di poter vivere quelle emozioni.

... finalmente quel momento è arrivato...
Un anno fa.
Roma, casa di Pamela, tv 14", maglietta di superman e Baffo d'oro in mano.
Zidane...
Materazzi...

I rigori...

-Finirà come al solito- pensai.

-Figurati se lo segna!- ripetevo,scaramanticamente, prima di ogni rigore.

Ed invece..

L'ultimo rigore, senza un fiato,
solo un urlo ed una lacrima, di gioia.
Il momento più bello della mia vita.

Finalmente "io c'ero"!

Me la sono goduta fino in fondo.
Prima a Piazza del popolo, poi a spasso per le vie di Roma insultando la madre di Zidane e per finire il bagno in mutande a Fontana di Trevi insieme a migliaia di altri esaltati.
E il giorno dopo non potevo mancare alla passerella trionfale in via Del Corso.
li ho visti tutti... Cannavaro, Gattuso, Totti, Nesta ed anche il mio Alex.
Ed ho visto anche lei.. La COPPA. Tutto molto bello.

Pamela in quei giorni non mi riconosceva.
-Sembravi posseduto- mi ripete quando li ricordiamo.

Non poteva capire, forse non lo ha ancora ben compreso.
Era quello che volevo ed era troppo tempo che lo aspettavo.
Grazie.

giovedì 5 luglio 2007

Carrambata

Avete sentito parlare delle leggi di Murphy? Quella di Gumperson dice: La probabilita' che qualcosa accada e' inversamente proporzionale alla sua desiderabilita'. Parole sante...
Questo fine settimana avrei tanto voluto rimanere a casa, avevo fatto già i miei bei programmi, niente di eccezionale, anzi soprattutto studio visto l'imminente esame, ma sabato devo tornare al paesello di origine. Non chè lì si stia male, però devo andarci per salutare un cugino di mio padre tornato in Italia, dall'Argentina, dopo 17 anni. Altro che Carramba...
Non ho molta voglia, sarà perchè devo studiare, perchè sono stanco o perchè i ricordi che ho dell'ultima volta non sono dei migliori...

Era il 1990, avevo nove anni.

In tv la telecronaca di una partita, nel mio salotto, oltre a me, i miei genitori ed i miei "zii",italo-argentini. Era luglio, a Napoli c'era la semifinale dei mondiali di calcio, la partita in tv proprio quella.
Non ho mai capito per chi tifassero quella sera.

giovedì 28 giugno 2007

The Big Kahuna


Goditi potere e bellezza della tua gioventù.
Non ci pensare.
Il potere di bellezza e gioventù lo capirai solo una volta appassite.
Ma credimi tra vent'anni guarderai quelle tue vecchie foto.
E in un modo che non puoi immaginare adesso.
Quante possibilità avevi di fronte e che aspetto magnifico avevi!
Non eri per niente grasso come ti sembrava. Non preoccuparti del futuro.
Oppure preoccupati, ma sapendo che questo ti aiuta quanto masticare un chewing-gum per risolvere un'equazione algebrica.
I veri problemi della vita saranno sicuramente cose che non t'erano mai
passate per la mente. Di quelle che ti pigliano di sorpresa alle quattro di un pigro martedì pomeriggio. Fa' una cosa, ogni giorno che sei spaventato... canta. Non esser crudele col cuore degli altri. Non tollerare la gente che è crudele col tuo.
Lavati i denti. Non perder tempo con l'invidia. A volte sei in testa. A volte resti indietro. La corsa è lunga e alla fine è solo con te stesso.
Ricorda i complimenti che ricevi, scordati gli insulti. Se ci riesci veramente dimmi come si fa. Conserva tutte le vecchie lettere d'amore, butta i vecchi estratti conto.
Rilassati. Non sentirti in colpa se non sai cosa vuoi fare della tua vita.
Le persone più interessanti che conosco, a ventidue anni non sapevano che fare
della loro vita. I quarantenni più interessanti che conosco ancora non lo sanno.
Prendi molto calcio. Sii gentile con le tue ginocchia, quando saranno partite ti mancheranno. Forse ti sposerai o forse no. Forse avrai figli o forse no.
Forse divorzierai a quarant'anni. Forse ballerai con lei al settantacinquesimo anniversario di matrimonio.
Comunque vada, non congratularti troppo con te stesso, ma non rimproverarti neanche.
Le tue scelte sono scommesse. Come quelle di chiunque altro.
Goditi il tuo corpo. Usalo in tutti i modi che puoi.
Senza paura e senza temere quel che pensa la gente.
E' il più grande strumento che potrai mai avere.
Balla. Anche se il solo posto che hai per farlo è il tuo soggiorno.
Leggi le istruzioni, anche se poi non le seguirai.
Non leggere le riviste di bellezza. Ti faranno solo sentire orrendo.
Cerca di conoscere i tuoi genitori. Non puoi sapere quando se ne andranno per sempre. Tratta bene i tuoi fratelli. Sono il migliore legame con il passato e quelli che più probabilmente avranno cura di te in futuro.
Renditi conto che gli amici vanno e vengono. Ma alcuni, i più preziosi, rimarranno.
Datti da fare per colmare le distanze geografiche e di stili di vita,
perche più diventi vecchio, più hai bisogno delle persone che conoscevi da giovane.
Vivi a New York per un po', ma lasciala prima che ti indurisca.
Vivi anche in California per un po', ma lasciala prima che ti rammollisca.
Non fare pasticci coi capelli, se no quando avrai quarant'anni sembreranno di un 85nne. Sii cauto nell'accettare consigli, ma sii paziente con chi li dispensa.
I consigli sono una forma di nostalgia.
Dispensarli è un modo di ripescare il passato dal dimenticatoio, ripulirlo,
passare la vernice sulle parti più brutte e riciclarlo per più di quel che valga.
Ma accetta il consiglio... per questa volta.

martedì 26 giugno 2007

La partita perfetta

Nel bowling si parla di partita perfetta quando butti giù tutti i birilli al primo colpo, per dodici volte, in un'unica partita.
C'è lo score a testimoniarlo, 300.
Nel basket, nel football, nel baseball ci sono una serie infinita di tabelle, percentuali e statistiche, nel calcio non è così.
Niente tabelle, statistiche o percentuali per indicare la forza di una squadra o la bravura di un giocatore. L'unico mezzo di valutazione sono le emozioni che una partita può far nascere.

La semifinale di Champions del 2003 ne ha suscitate molte.

Sarà stato per la necessità di far risultato,
per i "Galacticos",
per il ritorno dell'ex idolo nervosetto,
per l'antico e grasso nemico
o semplicemente perchè era Juventus-Real Madrid.
Non ho dimenticato l'epilogo negativo, ma non importa.
Le emozioni vissute quella sera,
l'esultanza al gol di David, di Alex, di Pavel;
al rigore di Gigi;
al fischio dell'arbitro;
niente e nessuno potrà cancellarle.

Quella, per me, è e sarà sempre, semplicemente, la PARTITA PERFETTA.

domenica 24 giugno 2007

Le parole del dottore

Sono da poco tornato a Roma, stasera avrei tanto voluto parlarvi
del mio week end trascorso a casetta, con la mia mamma, il mio babbo e la nuova macchinetta per il caffè;
dell'oretta mensile passata da 'Nnocenzio, il barbiere maratoneta (fino al peacemaker);
del viaggio in treno con una simpatica vecchietta;
della Ducati dell'ex "rolling" Stoner
o della mia consueta serata di assoluto relax,

ma non posso parlare di queste sciocchezze quando il mio blog è carente di un elemento fondamentale.

Le parole del dottor SDS continuavano ad echeggiare nella mia testa,
ho provato ad ignorarle,
ho perfino canticchiato per coprirle,
ma sono sempre qui, sempre più insistenti.

- Luca, dove sono le TETTE????-
- Ci vogliono più TETTE in un blog!!!!-

Il dottore ha pienamente ragione.
Forse è per questo che le sue parole mi perseguitano.
Devo assolutamente rimediare.

venerdì 22 giugno 2007

Una mail per il prof



Qualche giorno fa ho dovuto scrivere una mail al professore che mi segue per la tesi, un' esperienza da delirio puro.
Innanzitutto come iniziare?
Illustrissimo?
Gentilissimo?
Eminentissimo?
Chiarissimo?
Dopo un'attenta riflessione optai per gentilissimo.
E poi?
Come fargli capire il concetto senza sembrare troppo invadente o presuntuoso?
Feci vari tentativi,inutilmente, cosicchè coinvolsi il mio coinquilino Paoletto (nome fittizio per non comprometterne la reputazione), ma da lì in poi la situazione assunse contorni tragicomici.

Sembravamo un misto tra Totò e Peppino, nella mitica scena della lettera alla malafemmina, e Troisi e Benigni nella lettera al Savonarola.

Due idioti...

Dopo circa quarantacinque minuti deliranti, finalmente nacque il frutto di tanto ingegno, una mail di ben quattro righe(chiarissimo prof e distinti saluti compresi).

La rileggo un miliardo di volte e poi,
grondante di sudore (una costante della mia vita),
mentalmente e fisicamente provato,
la invio.

Per fortuna non si è studenti a vita!
...o almeno lo spero!!!!!

martedì 19 giugno 2007

La mia "maturità"

Sono passati molti giorni dal mio esame di stato (la vecchia maturità). Era il giugno del 2000 quando in Belgio e Olanda c'erano gli europei, la gita a Barcellona era ormai un ricordo ed alla radio si ascoltava spesso "para no verte mas" del gruppo argentino "La mosca tsè tsè".

Bel periodo...
Ho un mucchio di ricordi di quei giorni...

La notte passata dai Valle per stabilire i posti della battaglia del giorno dopo e trascorsa a vantantarsi dei temari, delle cartucciere e facendo a gara su chi avesse il pantalone con più tasche.

Il pomeriggio dopo lo scritto di matematica, passato al mare, grazie all'Enzomobile la mitica Y10 che ha tenuto duro per noi.

La terza prova, in orario da riposino post pranzo, con la gara di lancio del vocabolario di francese nel corridoio dell'istituto dove, di lì a poco, non saremmo più passati.

L'orale, in un torrida giornata di luglio, con la mia fronte grondante di sudore, la penna nella mano destra e un pacchetto di fazzoletti nella sinistra.

Nel mezzo le partite dell'Italia all'europeo, con la grande sofferenza ed il trionfo della semifinale
ed il ritorno a casa,
dopo aver visto la partita dal Falco,
dopo il gol di Wiltord,
dopo il gol di Trezeguet
con la bandiera di tre metri piegata in una mano.

Quei giorni sono stati importanti e non li dimenticherò mai...

lunedì 18 giugno 2007

Odio le ballerine

Ma le ragazze si rendono conto che quel tipo di scarpe è davvero osceno?
Mi sono trovato a parlarne anche con miei amici ed ho avuto solo la conferma del fatto che le ballerine siano oggettivamente brutte.
Ma le ragazze le indossano perchè sono comode?
Non sono meglio un paio di scarpe da ginnastica o di ciabatte?
Con quelle cose ai piedi sembra di vedere 2 zamponi scappati dal piatto natalizio perché non sopportavano più la vista delle lenticchie. Forse le ragazze che seguono l’esempio delle top che affollano le copertine delle riviste dovrebbero rendersi conto che non basta indossare un paio di scarpe o dei bermuda (altra cosa che non sopporto) per essere automaticamente delle gran gnocche.
Magari fosse così facile, ne saremmo contenti per primi noi ragazzi. Purtroppo ci sono delle cose che non possono cambiare e soprattutto se quelle scarpe o quel vestitino in genere sembra bello, non è bello in sé ma risulta tale solo perché indossato da una gran gnocca, che gnocca lo è già di suo… quella si è una bellezza oggettiva.
Questo è il gran mistero delle donne forse il bello sta nel non capirci mai nulla…

martedì 12 giugno 2007

Il mio blog

E’ notte, una notte insolitamente tranquilla nel caotico quartiere romano che mi ospita da quando ho iniziato la carriera universitaria, ascolto un po’ di musica seduto alla mia scrivania col portatile acceso davanti agli occhi stanchi ed assonnati.
E’ molto che penso di metter su un mio blog, “questa notte sembra quella giusta” questo ho pensato poco fa; ed avevo ragione, è nato il lucapensiero (il libero pensiero di un neofita del web). So di non essere un bravo scrittore, fin dalle elementari ho sempre preferito la matematica all’italiano, ma penso di essere in grado di tradurre in parole i miei pensieri in modo che possano essere più che comprensibili.
D’altronde è questa l’unica cosa che conta per il mio blog.
Mi affascina moltissimo questo mezzo che ho a disposizione, tutto ciò che scrivo è alla portata di tutti, chiunque può leggerlo da ogni parte del mondo ed ad ogni ora. Sono conscio del fatto che il bacino a disposizione è più che altro teorico e che, probabilmente, pochi o nessuno si imbatteranno nel lucapensiero, magari ricoprendomi di insulti, però non mi importa, questo gioco è così, e a me va di giocare. Per questo eccovi l’ennesimo blog, secondo voi sarà solo uno dei tanti che nascono ogni giorno, ma per me non è così perchè questo è il mio lucapensiero.
Per questa notte è tutto, come prima volta può bastare.

Slide show

lucapensiero scroll